Home / Cronaca / Lecco, il sindaco vende il suo Comune per salvarlo dallo spopolamento, ecco dove

Lecco, il sindaco vende il suo Comune per salvarlo dallo spopolamento, ecco dove

Salvare un paese, mettendolo in vendita. Con un clic. È questa l’iniziativa lanciata da Pietro Pensa, sindaco di Esino Lario.

Il piccolo Comune italiano in provincia di Lecco – che conta meno di 800 abitanti – è uno dei tanti a subire il fenomeno dello spopolamento. In Italia, infatti, sono in totale ben 5500 i paesi vittima di un progressivo svuotamento. Persone che partono, e non tornano più. Così, per evitare che il suo Comune si trasformi in un luogo fantasma, Pensa ha deciso di mettere in vendita alcuni luoghi simbolo al fine di reperire le risorse necessarie per la sopravvivenza dello stesso.

“La vita in un piccolo paese è difficile, e non possiamo biasimare le persone che decidono di trasferirsi in centri abitativi più grandi – commenta il sindaco di Esino Lario – Ma così facendo, perdiamo la ricchezza dell’artigianalità, della cultura turistica ed enogastronomica, e il valore delle centinaia di tradizioni diverse che fanno dell’Italia il Paese più bello del mondo”.

Una decisione forte quella del primo cittadino esinese che, però, sembra essere l’unica strada per riuscire a risollevare questo paesino di montagna del Val D’Esino, situato a un’altitudine di 900 metri. Il ricavato di questa iniziativa garantirà così le risorse necessarie a rivedere o creare alcuni servizi fondamentali per i cittadini. “Le voci di spesa per un Comune che vuole rimanere competitivo e attrattivo sono tante – aggiunge il sindaco – dal garantire il miglioramento delle infrastrutture, come strade e ferrovie, ad un numero maggiore e più efficiente di strutture pubbliche dedicate alla formazione, come le scuole, o infine alla possibilità di accedere in modo più semplice ed immediato a servizi di connessione a internet più veloci, per riuscire anche noi ad evolverci verso i concetti più innovativi di città smart”.

Sul sito vendesiesino.it sono infatti disponibili alcuni elementi del Comune, come il palazzo del Municipio, la Piazza delle Capre e la Via Crucis.

Quella lanciata dal Comune di Esino Lario è una sfida complessa e del tutto nuova. Una sfida, però, che potrebbe salvare questo paesino dall’isolamento e dall’abbandono da parte delle istituzioni nazionali ed europee. E come lui, altri migliaia di Comuni in tutta Italia. “Con questa proposta – conclude Pensa – mi faccio portavoce di una situazione che accomuna circa 5.500 amministrazioni locali con meno di 5.000 abitanti nel nostro Paese”.

Fonte Clicca QUI!

Check Also

Cagliari, agenti pestati con calci e pugni. Arrestato pakistano: era senza documenti

È finito in manette un cittadino straniero che, nella mattinata di ieri, ha letteralmente seminato …

Lascia un commento